Homepage Università di TriesteHomepage Università di Trieste

Homepage > Organizzazione > Biblioteca Centrale di Medicinarss feed

Biblioteca Centrale di Medicina


La Biblioteca Centrale di Medicina e' sorta nel 1974 nell'ambito della Convenzione tra la Facolta' di Medicina e Chirurgia dell'Universita' di Trieste e l'Ente Ospedaliero "Ospedali Riuniti". Al fine di evitare la costituzione di due biblioteche parallele, fu scelto di far convergere le disponibilita' finanziarie dei due contraenti su un'unica istituzione; il patrimonio e' sempre rimasto distinto nell'etichettatura e viene amministrato e inventariato separatamente.
Tutti gli abbonamenti (esclusi quelli per tre Dipartimenti fisicamente distanti) vengono gestiti e centralizzati in Biblioteca. Di alcune testate specialistiche viene lasciata in deposito temporaneo l'ultima annata presso il dipartimento o reparto interessato.
Dal 2000 la Biblioteca cura inoltre la gestione dei periodici dell'Azienda per i Servizi Sanitari (ASS N. 1 Triestina).
Nel marzo del 2004 la Convenzione fra i due Enti fondatori e' stata sostituita da una vera e propria fusione che ha portato alla nascita dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria "Ospedali Riuniti" di Trieste.
Nell'ottobre 2006 la Biblioteca ha abbandonato la vecchia sede ubicata in una palazzina adiacente l'Ospedale Maggiore e si e' trasferita nel nuovo edificio presso l'Ospedale di Cattinara. Questa nuova sede e' posizionata tra il Polo Cardiologico e l'Anatomia Patologica: essa ospita la Biblioteca Centrale di Medicina, il deposito delle collezioni e 11 aule didattiche. La superficie della Biblioteca ammonta a 1600 mq di cui 670 riservati al pubblico.
Il nocciolo iniziale del patrimonio fu costituito dal materiale della ex biblioteca dell'Ospedale Civico di Trieste e dalla fusione delle collezioni di periodici degli istituti universitari e dei reparti ospedalieri, cui si sono aggiunte successivamente quelle della Direzione Provinciale dell'INAM, dell'Ospedale Psichiatrico Provinciale, le annate pregresse (fino al 1985) dell'Ospedale Infantile Burlo Garofolo e dell'ex Servizio Chimico Ambientale (ora rappresentato dall'ARPA) e le monografie costituenti il Fondo di storia della medicina "Bruno Pincherle".
Va sottolineato che i testi interessanti la storia della medicina sono stati quasi fortuitamente reperiti nelle soffitte dell'Ospedale Maggiore, accatastati o sparsi in condizioni gravemente pregiudizievoli sia per la conservazione delle opere che per la loro integrita'. Il loro recupero puo' essere quasi definito un lavoro di archeologia libraria se si considera l'impegno richiesto per la loro ricerca fra una marea di ciarpame, calcinacci e ragnatele e, successivamente, per la ricomposizione dei volumi in opere, purtroppo non sempre complete per inevitabili ammanchi verificatisi nel corso degli anni.
Ne e' risultata comunque una collezione di notevole interesse comprendente piu' di un migliaio di testi del 1800, 209 del 1700 e 4 del 1600. La sua consistenza evidenzia quanto importante sia stata, in rapporto all'epoca, la biblioteca dell'Ospitale Civico, istituzione che gia' fiorente nella prima meta' dell'800 e nei primi decenni del secolo dopo, era stata progressivamente ed inspiegabilmente lasciata nell'incuria e nell'abbandono.
A questo fondo si e' aggiunta nel 1986 la raccolta di testi appartenente al dr. Bruno Pincherle, pediatra e bibliofilo sensibile ed appassionato. La famiglia dello scomparso studioso triestino ha donato all'Universita' degli studi di Trieste per la Biblioteca Centrale di Medicina quella parte della sua biblioteca che risultava di interesse per la storia della medicina. La raccolta comprende 26 cinquecentine, 55 opere del 1600, 228 del 1700, 218 del 1800 e 6 manoscritti posteriori all'introduzione della stampa ed inoltre 619 opere del 1900.
Una caratteristica delle collezioni della Biblioteca Centrale di Medicina e' costituita dal rilevante numero di testi di letteratura medica tedesca ed austro-ungarica, legato alle vicende storiche e politiche della citta' e che evidenzia il legame che univa la scuola di medicina di Trieste a quella di Vienna.
I libri qui di seguito illustrati provengono dal "Fondo di Storia della medicina Bruno Pincherle" e dalla collezione di testi antichi dell'Ospitale Civico: